lab-grown-meat-burger

Degustazione di manzo prodotto in laboratorio: ‘Quasi’ come un hamburger

Il primo hamburger di manzo coltivato in laboratorio è stato cotto e mangiato a Londra lunedi. “Abbiamo dimostrato che è possibile”, ha dichiarato lo scienziato Mark Post, il quale ha creato carne macinata coltivata nel suo laboratorio presso la Maastricht University nei Paesi Bassi. Ha affermato che la sua speranza è di trovare un modo nuovo ed ecologico per sfamare il mondo.

La scena ai Riverside Studios di Londra Ovest, in cui l’evento ha avuto luogo, sembrava qualcosa che si potrebbe vedere in uno show televisivo di cucina: C’erano un finto bancone cucina, un piccolo lavandino, un singolo bruciatore e, naturalmente, un cuoco – Richard McGeown, che ha collaborato con star culinarie del calibro di Gordon Ramsay.

I cinque hamburger – la cui produzione costa più di 330 mila dollari,pagati dal co-fondatore di Google Sergey Brin, sono arrivati sotto una cupola d’argento e sono stati prontamente messi su un tegame a soffriggere con un pezzetto di burro e una spruzzata di olio di semi di girasole. Gli odori che scivolano verso il pubblico (alcuni giornalisti e scienziati invitati) erano sottili ma inconfondibilmente carnosi.

Segue la degustazione. Oltre a Post, solo a due persone è stato permesso di avere un morso dell’hamburger in provetta: a Josh Schonwald, autore americano di “The Taste of Tomorrow”, e a Hanni Rützler, uno scienziato nutrizionale austriaco. Entrambi ha detto che l’hamburger assaggiato è “quasi” come un hamburger tradizionale. Nessuno ha sputato la carne, né é rabbrividito.

Rützler ha fatto allo chef un cenno di apprezzamento. “S’avvicina alla carne, ma non è così sugoso,” ha detto. “Mi aspettavo che avesse una consistenza più molle. La superficie è stata sorprendentemente croccante”. Ha aggiunto:” L’avrei detto se fosse stato disgustoso” Schonwald ha affermato che il prodotto assaggiato è come “un pasticcio di proteine animali”

Post ha detto che la carne coltivata in laboratorio può svolgere un ruolo importante nel futuro: non solo potrebbe aiutare a sfamare il pianeta, ma potrebbe anche aiutare a risolvere i problemi ambientali derivanti dalla produzione di carne convenzionale. “A livello globale, se tutta la carne fosse coltivata in laboratorio, le emissioni di gas a effetto serra potrebbero essere ridotte dell’80 per cento, e l’utilizzo di acqua del 90 per cento”, afferma Hanna Tuomisto della Centro comune di ricerca della Commissione europea, la quale studia potenziali impatti sull’ambiente della carne coltivata in laboratorio.

Per quanto riguarda i benefici nutrizionali della carne coltivata, il giudizio è ancora sospeso. Ma Joan Salge Blake della Boston University, un dietista registrato autore di “Nutrition & You”, dice che ha il potenziale per essere più sana della carne convenzionale. “Sostituire i grassi saturi con grassi omega-3, sarebbe perfetto per la nostra salute,” ha affermato.

La ricerca

Anche se l’hamburger è stato il culmine di un progetto di ricerca di cinque anni, ci sono voluti a Post solo tre mesi per farlo crescere, utilizzando le cellule staminali raccolte dalla spalla di una mucca. “Questo è più veloce di [far crescere] una mucca”, ha detto. Le cellule staminali non solo proliferano rapidamente, ma possono differenziarsi in vari tipi di cellule: cellule muscolari, cellule ossee, ecc

Il tipo di cellule staminali che Post ha utilizzato, chiamate cellule satelliti, è responsabile per la rigenerazione muscolare dopo un infortunio.

Share this post

No comments

Add yours